A casa di Fabio Lovino

Vi avevamo promesso l’open house…. evento organizzato a Roma ma anche in altre capitali europee, che offre la possibilità di visitare gratuitamente, luoghi di interesse artistico e  architettonico solitamente chiusi al pubblico. Diciamo che siamo partite con le idee ben precise, visitare: “Villa Medici” dal favoloso giardino a Trinità dei monti e “L’oratorio dei Filippini” ,famosa opera del Borromini che affaccia su Corso Vittorio Emanuele II. Attraversiamo la Città e scopriamo che gli ultimi tour, di entrambe le nostre mete, si sono già conclusi.  La pecca di questo evento è che in ogni luogo le tempistiche delle visite sono limitate e solo per qualche ora. Non riuscendo a trovare altre soluzioni decidiamo di ritornare verso casa. Essendo molto cocciute ( come si dice qua “de coccio”) cerchiamo disperatamente un’alternativa. Cerchiamo nell’applicazione di Open House e troviamo una mostra fotografica. Con una certa fretta per evitare di perdere anche questo evento, raggiungiamo Via Borgo Angelico senza nemmeno informarci di che cosa si trattasse. Ci ritroviamo a dover suonare ad un citofono con scritto “Lovino “. Accediamo ad un loft molto luminoso. L’intelaiatura di ferro  e la muratura a vista “sporcata” di calce , fanno da cornice ad una serie di fotografie disposte alle pareti con molta cura. L’ambiente è caratterizzato da una caoticità di elementi che lasciano trasparire un’arte spontanea. La ritrattistica è l’elemento preponderante nelle fotografie.  Dalle componenti d’arredo capiamo che è una casa. E’ una casa abitata, ed è proprio la casa dell’artista. Lui è  Fabio Lovino , fotografo e regista, ha realizzato  le copertine degli album di importanti artisti italiani e stranieri (Mark Knopfler, Elisa, Caparezza, Subsonica, Marina Rei, Alex Britti, Sergio Cammariere), i ritratti di attori come Robert De Niro, Al Pacino, Benicio del Toro, Charlotte Rampling, Terry Gilliam, Martin Scorsese, Francis Ford Coppola, David Cronenberg e David Lyinch e le copertine di riviste come MaxElleVogueVanity Fair e Rolling Stone. Nel 2007 Mondadori ha pubblicato  una mostra intitolata “A riveder le stelle “con i ritratti da lui realizzati di quarantacinque fra attori e registi italiani.  Lovino ha realizzato sul territorio molti dei suoi progetti utilizzando il panorama romano come location prediletta per i suoi scatti. ” Credo che la fotografia o il video siano strumenti per trasmettere lo spirito creativo e la curiosità di conoscere la propria città, in ogni sua forma espressiva. Dall’archeologia all’architettura, dagli aspetti storici a quelli sociali, sperimentando una nuova forma di espressione creativa”.

Potete anche dare un’occhiata alla Video Intervista 

IMG_9258_mod 

 IMG_9263_mod  IMG_9270_mod

IMG_9271_mod

 

Annunci